TUTTO IN UNA VALLE, Archeologia, ambiente e patrimonio artistico nella Valle del Tassobbio

Falò in valle 2018

Anche quest’anno il Coordinamento della Valle del Tassobbio in collaborazione con le proloco e le associazioni della valle promuove l’iniziativa: “Falò in Valle”, volta alla promozione del nostro territorio e alla riscoperta delle antiche tradizioni.
Domenica 1 Aprile 2018, a partire dalle ore 20,00, lungo tutto il corso del Tassobbio, saranno allestiti i falò tradizionali con i quali i nostri nonni, salutando l’inverno, “bruciavano la Quaresima”.

falo_in_valle_2018_r

4a Festa della Val Tassobbio: Insieme, Naturalmente!

I tesori d’arte religiosa della Val Tassobbio

Sabato 8 agosto nel Centro Polivalente di Leguigno, presso la chiesa, si terrà alle ore 16.30 un importante evento culturale nel corso del quale Mons. Tiziano Ghirelli illustrerà il grande patrimonio d’arte religiosa che caratterizza le chiese delle vallate del torrente Tassobbio e del rio Maillo.
Con l’ausilio di un videoproiettore, saranno mostrate le principali opere d’arte religiosa delle due vallate, evidenziandone le caratteristiche tipologiche e stilistiche, definendone inoltre l’inquadramento artistico-culturale.
La conferenza sarà introdotta dal Sindaco di Casina, che porterà i saluti dell’Amministrazione e dall’architetto Giuliano Cervi che inquadrerà brevemente il contesto territoriale al quale fanno riferimento le opere d’arte.

Il carattere singolare dell’iniziativa risiede nel fatto che, nell’intento di dare un riscontro operativo alla salvaguardia del grande patrimonio d’arte religiosa della valle del Tassobbio, al termine della conferenza è prevista una cena di “finanziamento” presso il castello di Leguigno, il cui ricavato sarà devoluto per il restauro di una di queste opere d’arte religiosa della val Tassobbio che maggiormente necessita di intervento.
Anche la cena è stata impostata in modo che abbia importanza culturale, si baserà infatti su pietanze tratte dalla tradizione culturale della zona.

Organizzazione a cura del Coordinamento Valtassobbio e del Museo Diocesano-Diocesi ReggioEmilia Guastalla

Cena a prenotazione obbligatoria (20 euro)
Info: 0522 814749 – 338 9606857

locandina 8 agosto_ese

banner-cena

Nel paesaggio del Tassobbio 27 e 28 giugno 2015

Le Vie attraversano, i Ponti legano Un festival disseminato di rigenerazione territoriale
Il programma del 2015 si incentra sulle vie, e i ponti, che l’uomo ha tracciato per legarsi alla montagna, a volte per fuggirne.
Si conferma anche l’utilizzo delle modalità narrative già utilizzate per interpretare il paesaggio della montagna Incantata: le esplorazioni geocamminate sulle tracce delle opere della bonifica, le maestrie e i saperi, i linguaggi espressivi.

Sabato 27 giugno
Nel paesaggio del Tassobbio: la Chiesa di Santo Stefano di Pineto, giù alla grande radura della “Casa rossa”, tra canyon e guadi lungo il rio Maillo ritrovo a Santo Stefano di Pineto (Vetto)

Domenica 28 giugno
Nel paesaggio del Tassobbio: tra Cortogno e Pianzo, dove le vie fragili incrociano la biodiversità ritrovo a Cortogno (Casina)

Per informazioni:
Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale: 0522443251 – www.emiliacentrale.it
https://www.facebook.com/pages/La-Montagna-InCantata/293508830780145?ref=hl
Associazione Eutopìa: antonio.geostorico@gmail.com

27-28-giugno

Scarica il PDF:  Click

 

Verso un Appennino più verde – Incontro 16/06

(Casina) – Cosa possono fare oggi i Comuni come risposta alla sfida dei cambiamenti climatici e della sempre più difficile reperibilità delle risorse? Dotarsi di una politica energetica locale, sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico, può rivelarsi uno strumento strategico per il futuro del territorio e della comunità che lo abita.
Se ne parlerà a Casina, al centro convegni del castello di Sarzano, il prossimo martedì (16/6) alle ore 19,00 nell’incontro a titolo “Verso un Appennino più verde. Obiettivi, strategie, azioni per un locale piano energetico low carbon”, insieme ad Alessandro Rossi, responsabile settore Energia, Innovazione e Sviluppo sostenibile di ANCI Emilia Romagna, agli amministratori del territorio e a tutti coloro che vorranno portare il loro contributo su questo tema.

L’incontro si concluderà alle ore 21,00 e avrà un’impostazione prevalentemente operativa. “Efficienza energetica, produzione da rinnovabili e risparmio sono i tre ingredienti della de-carbonizzazione – spiega Rossi – e sono tutti realizzabili attraverso politiche di governo locali e perciò di fatto nelle mani dei sindaci. Anci Emilia Romagna può supportare le amministrazioni nella definizione ed implementazione di strategie e strumenti operativi finalizzati al raggiungimento di questi obiettivi. Il cambio di direzione, ormai non più rimandabile, deve partire dai territori e dalle comunità, iniziando dalla presa di consapevolezza del problema e cercando soluzioni concrete e innovative.”
Info: Lucia Manicardi, tel. 349 0081049 – Comune di Casina (www.comune.casina.re.it),

come arrivare: Click!

 

image002

Canossa: Segno Simbolo Storia – convegno + mostra

Canossa: segno, simbolo, storia.

Convegno e mostra sul Castello Canossano nel paesaggio nel corso della storia.
Sabato 6 e domenica 7 giugno presso la Sala Polivalente del Comune di Canossa ed il Castello di Canossa
Tema dominante sarà il Castello Canossano nel paesaggio nel corso della storia; quindi il rapporto tra il sistema difensivo con il territorio, analizzando la fortificazione nelle interrelazioni tra natura e storia umana. Sarà indagata, in particolare, l’origine del caratteristico paesaggio canossano, luogo emblematico per la comprensione delle vicissitudini tettoniche e geomorfologiche dell’Appennino settentrionale, e l’assetto strutturale della rupe. Il paesaggio circostante Canossa verrà illustrato puntualmente nella sua significativa fisionomia, accostandolo al tema della memoria (di vicende, personaggio, ecc.)
Programma

Sabato 6 giugno,
ore 9,30 Apertura del Convegno
Presiede Giuseppe Adriano Rossi, presidente Deputazione di Storia Patria per le Antiche Provincie Modenesi –Sezione di Reggio Emilia

Saluti delle Autorità
Sindaco di Canossa
Raffaele Ruberto, prefetto di Reggio Emilia
Gianmaria Manghi, presidente della Provincia di Reggio Emilia
Antonella Incerti, deputato al Parlamento
Riccardo Ferretti, prorettore Università di Modena e Reggio Emilia
Angelo Spaggiari, presidente della Deputazione di Storia patria per le Antiche provincie Modenesi
Massimo Bizzarri, presidente Club Alpino Italiano – Sezione di Reggio Emilia
Angela Chiapponi, presidente Istituto Superiore di Studi Matildici
Davide Dazzi, presidente Società Reggiana di Studi Storici
Giampiero Cuppini,presidente Istituto Italiano dei Castelli – Sezione Emilia-Romagna

Interventi dei relatori
ore 10.30 Aldo Settia, Canossa, l’incastellamento e le lotte per il regno
ore 11.00 Rossella Rinaldi, Prima di Matilde. Gli antenati
Sospensione lavori
ore 11.30 Gabriele Fabbrici, La feudalità matildica nel territorio della montagna reggiana: alcune riflessioni
ore 11.50 Franca Manenti Valli, Canossa. Un castello tra fortilizio e cenobio
ore 12.10 Arnaldo Tincani, La chiesa dinastica di Sant’Apollonio di Canossa da canonica a monastero benedettino

buffet

ore 14.40 Ripresa lavori
presiede Davide Dazzi, presidente Società Reggiana di Studi Storici
ore 14.45 Paola Galetti, Le strutture della vita quotidiana tra XI-XII secolo
ore 15.15 Angelo Biondi, L’episodio di Canossa nell’ambito del culto di San Gregorio VII a Sovana
ore 15.35 Massimo Mussini, La Chiesa di Sant’Apollonio nel Castello di Canossa
ore 15.55 Corrado Corradini, Verso Gerusalemme al tempo di Matilde. L’eco della prima Crociata nella documentazione reggiana
ore 16.15 Danilo Cristian Morini, L’Atlante dei castelli dell’Emilia-Romagna: una nuova prospettiva di analisi del fenomeno
ore 16.35 Angela Chiapponi, “Canossa è un simbolo”. Le parole di Meuccio Ruini nell’ottavo centenario della morte di Matilda

Domenica 7 giugno
ore 9.55 Ripresa lavori
presiede Massimo Bizzarri presidente Club Alpino Italiano – Sezione di Reggio Emilia
ore 10.00 Elisabetta Pepe, Canossa: 130 anni di gestione statale negli archivi della Soprintendenza
ore 10.30 Roberta Conversi, Renata Curina, Nicola Mancassola, Fabio Saggioro, Il castello di Canossa tra mito e realtà. Recenti dati archeologici e prospettive future
ore 11.35 Giuliano Cervi, Il grande paesaggio di Canossa: compendio della storia naturale ed umana dell’Appennino emiliano

Domenica 7 giugno, Castello di Canossa
ore 15.00 Ritrovo presso la biglietteria del Castello
ore 15.30 Inaugurazione della Sala CAI – Saluti delle Autorità
ore 16.00 Museo del Castello – Sala Gaetano Chierici, Esposizione sui ritrovamenti dal 1877
ore 16.45 Inizio del percorso Sentiero Natura CAI Rupe di Canossa (anello circa 30’)
ore 17.30 Saluti e conclusioni

Conversazioni di storia e archeologia in Val d’Enza

Prende il via “Antica val d’Enza – Piccole conversazioni di storia locale”, un ciclo di incontri promosso dal Gruppo Archeologico Vea.

Tutte le iniziative si terranno a Ciano, al teatro comunale di piazza Matilde di Canossa 2, e in occasione delle conferenze sarà possibile effettuare il tesseramento per partecipare alle attività all’ interno del sito di Luceria .

Ecco il programma:

6 maggio 2015, ore 21
Dott.ssa Francesca Ferraresi, storica dell’arte / Religione, magia, superstizione: simboli e leggende tra fiume e collina

13 maggio 2015, ore 21
Giacomo Galli / Il racconto dei muri in pietra della val d’Enza

20 maggio 2015, ore 21
Dott. Filippo Fontana, archeologo / Popolamento in val d’ Enza e viabilità antica

Per informazioni: Gruppo Archeologico Vea archeovea@libero.it, e 347 3321989.

Scarica il pdf

Schermata 2015-05-06 alle 11.48.48

21 aprile – Abitare la Terra, vivere la terra

Martedì 21 aprile dalle ore 21, al Castello di Sarzano a Casina (RE), si svolgerà l’incontro pubblico “Abitare la terra, vivere di terra: idee per l’Appennino reggiano”, organizzato da Comune di Casina, associazione Demetra, Legambiente Appennino Reggiano e Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano. I relatori si interrogheranno su come l’agricoltura possa tornare a essere un settore inclusivo e attrattivo in questa fase di crisi economica e sociale. I loro interventi si focalizzeranno, in particolare, su tre questioni oggi fondamentali: garantire un accesso più democratico alla terra; creare filiere chiuse accorciando la distanza tra produzione e vendita; ripensare una tecnologia agricola inclusiva, a basso costo di accesso e di gestione.

Nel corso della serata verrà presentato il progetto ‘Verso Terre’ promosso dal Distretto di Economia Solidale di Reggio Emilia.

Programma:
Saluti e apertura a cura del sindaco del Comune di Casina, Gianfranco Rinaldi.
Seguiranno gli interventi:
Fausto Giovanelli, presidente del Parco Nazionale, ‘Banche della terra e area MAB UNESCO dell’Appennino Tosco Emiliano’;
Marco Salardi e Vittorio Gimigliano, Distretto di Economia Solidale di Reggio Emilia, ‘Verso Terre di Reggio: Un progetto per l’accesso alla terra del Distretto di economia solidale di Reggio Emilia’;
Luca Filippi, Legambiente Appennino Reggiano, ‘Accesso alla terra per immaginare una nuova ruralità’

filippi

 

Nuova ruralità e ritorno alla terra – incontro 16/2

Lunedì 16 febbraio alle 20:30 presso il Palazzo Ducale di Castelnovo ne’ Monti

In occasione dell’Anno Internazionale dei Suoli 2015, proclamato dalla FAO, il circolo Legambiente Appennino Reggiano organizza un incontro per parlare di “Nuova ruralità e ritorno alla terra: scenari per uno sviluppo sostenibile ed inclusivo dell’apppennino reggiano“.

Due delle esperienze  riguardano la  Valle del Tassobbio: Leguigno e Canossa.

 

10838134_1433646863592815_7135504608065232406_o-1024x724 10900095_1433441213613380_2541859312038505923_o-1024x724